COME COSTRUIRSI UN NIDO ARTIFICIALE.

 

NIDO PER CINCE


                

cinciarella - cincia dal ciuffo - cincia grigia - cincia mora
passera mattugia - cinciallegra - balia nera - balia dal collare codirosso - picchio muratore - passero domestico - collotorto


Questa è la forma più semplice di nido artificiale per uccellini. Facile da costruire può ospitare un gran numero di specie, con due varianti nelle dimensioni del foro d'ingresso:


Altezza di collocazione: tra i 180 e i 250 cm nelle zone tranquille (campagna, parchi, grandi giardini), altrimenti 280-350 cm (piccoli giardini e terrazzi).



A - Tetto

220 x 220 mm 1 pezzo

B - Pavimento

140 x 140 mm 1 pezzo

C - Parete posteriore

140 x 270 mm 1 pezzo

D - Parete anteriore

140 x 240 mm 1 pezzo

E - Parete laterale

240 x 270 x 180
                    2 pezzi

F - Listello trasversale

25 x 10 x 180 mm  
                    1 pezzo

- SPESSORE TAVOLE

20 mm



ESECUZIONE
Fissare innanzi tutto le pareti laterali (E) e il pavimento (B) con dei chiodi. Per facilitare l'inchiodatura tracciare con una matita una linea a 1 cm dal margine inferiore di ciascuna parete laterale (fig.1).
Queste ultime devono sporgere di 20 mm davanti e di 20 mm dietro per applicare prima la parete posteriore (C) (fig.2) e poi la parete anteriore (D) (fig.3). La parete D viene fissata con un solo chiodo per lato, 15 mm sotto lo spigolo superiore (fig.4).
I chiodi vanno piantati alla stessa altezza ma non fino in fondo, poiché costituiscono la cerniera che permette di aprire la cassetta senza difficoltà (fig.5). Meglio sgrossare i fori con un trapano, la cui punta è dello stesso spessore del chiodo.
Se noti che la parete anteriore (D) non sia inchiodata direttamente sotto il tetto, ma 15 mm più in basso, (fig.4) altrimenti il listello F, applicato successivamente, ne impedirà l'apertura. Anche al di sotto deve sporgere in basso di almeno 15 mm in modo che si possa afferrare bene per aprirla (fig.6).
Per evitare invece che questa si apra accidentalmente, ad esempio a causa di un colpo di vento, meglio predisporre una chiusura. Si consiglia un fermaimposte della misura appropriata, acquistabile presso un ferramenta (fig.9).
Sistemare il tetto (A) fissandolo con chiodi o delle viti dotate di rondella, in modo che sporga di circa 4 cm davanti e 1 cm ai lati (fig.8).
Infine, coprire con il listello trasversale (F) la fessura anteriore di 15 mm sotto il tetto fissandolo con chiodi o viti agli spigoli delle pareti laterali (fig.7).


NIDO CON NICCHIA PER LE UOVA.


ballerina - codirosso - codirosso spazzacamino - pigliamosche


Grazie allla sua particolare struttura con il tetto e le pareti sporgenti, questo nido garantisce agli ospiti una buona luminosità, oltre alla protezione dalla pioggia e dal vento. Questo modello, inoltre, ossicura agli uccelli ospiti una fondamentale protezione dai predatori dei nidi, come cornacchie, gazze, e ghiandaie.
La parete anteriore del nido, fissata in alto con due chiodi permette di controllareagevolmente l'interno.

A PEZZI E MISURE:


A - Tetto

180 x 290 mm 1 pezzo

B - Parete laterale

280 x 170 mm 2 pezzi

C - Parete anteriore

120 x  90 mm 1 pezzo

D - Pavimento

120 x 120 mm 1 pezzo

E - Parete posteriore

120 x 170 mm 1 pezzo

- SPESSORE DELLE TAVOLE

20 mm

Altezza di collocazione: 280 - 350 cm


ESECUZIONE
Fissare innanzi tutto le pareti laterali (B) base (D) con dei chiodi. Le pareti devono sporgere di 20 mm davanti e di 20 mm dietro per applicare la parete posteriore (E) e la parete anteriore (C). Quest'ultima viene fissata con due chiodi sullo spigolo superiore.
I chiodi vanno piantati alla stessa altezza ma non fino in fondo, poiché costituiscono la cerniera che permette di aprire la cassetta senza difficoltà. Meglio sgrossare i fori con un trapano, la cui punta è dello stesso spessore del chiodo.
La parete anteriore (C) deve sporgere in basso di almeno 15 mm in modo che si possa afferrare bene per aprirla. Per evitare che questa si apra accidentalmente ad esempio a causa di un colpo di vento, meglio predisporre una chiusura. Si consiglia un ferma imposte della misura appropriata, acquistabile presso un ferramenta.
Sistemare infine il tetto (A) fissandolo con chiodi o delle viti dotate di rondella.

 

 

NIDO A DOPPIO FORO D’INGRESSO

ballerina - codirosso - codirosso spazzacamino - pigliamosche


La cavità per le uova, all'estremità opposta dei fori di ingresso, è protetta da una tavoletta. Questa rappresenta un vantaggio per la protezione delle uova e dei piccoli di ballerina, codirosso, codirosso spazzacamino e pigliamosche dai gatti o da altri animali selvatici come le martore.
Un altro vantaggio utile che offre questo nido è che gli adulti bagnati dalla pioggia possono asciugarsi prima di raggiungere i piccoli: una parte dell'acqua che bagna le piume pettorali viene eliminata dallo strofinio contro il pavimento obliquo all'interno del nido.
Il doppio foro ovale d'ingresso è molto importante in quanto offrono la neccessaria luminosità al nido.


Dimensioni del nido

 

Altezza

190 mm

Larghezza

180 mm

Profondità

280mm

Apertura

30 x 50 mm (2x)

Altezza di collocazione: 280 - 350 cm

 

 

PEZZI E MISURE:

A - Parete anteriore

170 x 140 mm

1 pezzo

B - Listelli di guida

140 x 20 x 20 mm

2 pezzi

C - Pavimento

200 x 140 mm

1 pezzo

D - Pareti laterali

172 x 258 x 120 x 250 mm

2 pezzi

E - Tetto

280 x 200 mm

1 pezzo

F - Parete posteriore

120 x 140 mm

1 pezzo

- SPESSORE DELLE TAVOLE

20 mm

 


G - Linguette

50 x 10 mm

2 pezzi

H - Gruppo pavimento obliquo

composto da:

 

h1 - Base pavimento obliquo

120 x 50 mm

1 pezzo

h2 - Pavimento obliquo

120 x 120 mm

1 pezzo

h3 - Triangoli di sostegno

130 x 120 x 50 mm

2 pezzi

- SPESSORE DELLE TAVOLE

10 mm

 

 

 

 

 

 

 

ESECUZIONE
Dopo aver segato le singole parti e le aperture del nido, si costruisce il pavimento obliquo: inchiodare la base h1 ai triangoli h3, come illustrato nel disegno in sezione qui a fianco. Porre il pavimento obliquo h2 sulla base e i triangoli di sostegno e fissarlo sui tre lati. D'ora in poi questa unica entità sarà chiamata gruppo pavimento obliquo (H).Costruzione della cassetta: inchiodare le pareti laterali (D) al pavimento (C) e poi il la parete posteriore (F).
Inserire il gruppo pavimento obliquo (H) e fissarlo alla pareti laterali (D). Praticare alcuni fori per il deflusso di acqua dello spessore di 6 mm sul pavimento (C), in prossimità della parte anteriore del gruppo pavimento obliquo.
La parete anteriore (A) del nido, è fissata ad incastro per permettere di controllare agevolmente l'interno: applicare la parete anteriore (A) tra le pareti (D). Segnare a matita i punti in cui fissare i listelli di guida (B), uno avanti e uno dietro in modo che la parete anteriore (A) non possa oscillare.
Fissare con una sola vite ciascuna linguetta (G) sotto il pavimento (C) in modo da poter girare la linguetta e non far cadere la parete anteriore (A) verso il basso.
Sistemare il tetto (E) inchiodandolo saldamente alla parete posteriore (F); fissarlo con qualche chiodo anche sulle pareti laterali (D).


NIDO DI MERLO

MISURE
A: 15 cm
B: 15 cm
H: 50 cm
C: 30 cm
D: 25 cm
E: 10 cm
F: 20 cm

 

 



La cassetta vuole aperta. Il merlo può essere osservato durante i mesi invernali nella mangiatoia, sia a tetto che scoperta. Più difficilmente invece lo troveremo nei nidi artificiali. Perché spesso fanno il nido nelle siepi. La femmina ha i colori più smorti del maschio, che invece é nero con il becco giallo d'inverno, più arancio d'estate.

MISURE
A: 15 cm
B: 15 cm
H: 50 cm
C: 30 cm
D: 25 cm
E: 10 cm
F: 20 cm

 


NIDO DI PETTIROSSO

               



La cassetta vuole aperta. La specie si spinge a sud all'inizio dell'inverno boreale per svernare da ottobre a marzo nelle nostre regioni mediterranee. Si nutre principalmente di insetti, ragni, vermi e bacche. Nidifica in tronchi d'albero cavi, buche nel terreno, vasi di fiori e altri contenitori di diversa natura. Per costruire il loro nido a forma di coppa, usano muschi, radici, ramoscelli, erba, stracci e carta. Nidifica più facilmente nelle cassette aperte, anche se raramente effettua covate anche in quelle chiuse.
Da aprile a giugno la femmina depone cinque o sei uova giallastre, con macchie marroni e gialle, che cova per 14 giorni. Entrambi i genitori nutrono la prole fino a 12-15 giorni. La femmina produce due nidiate all'anno.


NIDO DI BARBAGIANNI

MISURE
A: 18 cm
B: 20 cm
C: 4 cm
D: 16 cm

 

Apprezza le casette-nido poste nelle soffitte. Se spaventato si mette in atteggiamento difensivo appiattendosi sul terreno e distendendo orizzontalmente le ali, se infastidito invece fa ondeggiare la testa sui due lati oppure la spinge in avanti inarcando le ali. Caccia di notte, catturando le sue prede (piccoli mammiferi, roditori, insettivori) sul terreno, oppure stanando piccoli uccelli dai loro nidi. Vive da solo o in coppie e, a meno che non sopraggiungano elementi di disturbo, è fedele al suo sito per anni. Nidifica in aree agricole con vecchi edifici, torri e campanili, o comunque dove ci siano aree aperte dove possa cacciare, compresi parchi e giardini. Sceglie spesso vecchi nidi abbandonati. Si riproduce tra aprile e maggio. Vengono deposte 4-6 uova bianche. La femmina si occupa dell'incubazione dei piccoli e il maschio della loro alimentazione fino 32-34 giorni.


MISURE
A cassetta
A: 18 cm;
L: 50 cm;
B: 40 cm;
C: 7 cm.
o a tronchetto
A: 16 cm di diametro
L: 60 cm
B: 35 cm
C: 7 cm

 

 

NIDO ARTIFICIALE DI CIVETTA





Caccia generalmente all'alba e al tramonto topi, piccoli uccelli, rettili, anfibi, pipistrelli e grossi insetti. Frequenta gli ambienti più disparati, dalle vecchie querce nei boschi ai salici in aperta campagna. Abita spesso i frutteti e non di rado si stabilisce nei centri cittadini, sulle torri, le arcate dei portici e nelle soffitte.
Si riproduce tra aprile e maggio. Depone da 4 a 7 uova bianche. L'incubazione dura 28 giorni ed é generalmente affidata alla femmina che non abbandona quasi mai il nido, mentre il maschio procura il cibo. I giovani divengono indipendenti dopo 65-80 giorni.


NIDO DI RONDONE

MISURE

A: 29 cm
B: 16 cm
C: 14 cm
D: 32 cm
E: 19 cm

 

Costruisce il nido, con fuscelli, crini e piume incollate con la saliva glutinosa, nelle buche delle rocce, delle torri e degli alberi oppure sotto le tegole e le grondaie dei fabbricati.
La covata é di 2 o 3 uova di colore bianco, che vengono incubate per circa 20 giorni da entrambi i genitori, che poi si occuperanno insieme anche dell'allevamento dei piccoli. 




Per saperne di più visita www.birdgardening.it